Data inserimento o ultima modifica:
07 luglio 2012

Lastrigiani ed ospiti illustri

Enrico Caruso, La Bohème: Che Gelida Manina (1906)


Aria di Rodolfo da La Bohème di Puccini. Registrato l'11 febbraio 1906.

Che gelida manina, 
se la lasci riscaldar. 
Cercar che giova? 
Al buio non si trova. 
Ma per fortuna 
é una notte di luna, 
e qui la luna 
l'abbiamo vicina. 
Aspetti, signorina, 
le dirò con due parole 
chi son, e che faccio, 
come vivo. Vuole? 
Chi son? Sono un poeta. 
Che cosa faccio? Scrivo. 
E come vivo? Vivo. 
In povertà mia lieta 
scialo da gran signore 
rime ed inni d'amore. 
Per sogni e per chimere 
e per castelli in aria, 
l'anima ho milionaria. 
Talor dal mio forziere 
ruban tutti i gioelli 
due ladri, gli occhi belli. 
V'entrar con voi pur ora, 
ed i miei sogni usati 
e i bei sogni miei, 
tosto si dileguar! 
Ma il furto non m'accora, 
poiché, poiché v'ha preso stanza 
la speranza! 
Or che mi conoscete, 
parlate voi, deh! Parlate. Chi siete? 
Vi piaccia dir!



About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti