00 0000

Carlo Goldoni

Il mercato di Malmantile a.3° s. 8°


ATTO TERZO

SCENA OTTAVA

Lampridio e detti.

LAM.

Figlia, figlia.

BRIG.

Signore.

LAM.

Ah, son perduto.

Un notaro è venuto,

E un ordine ha portato

Che dal governo mio mi ha discacciato.

BRIG.

Codesta è un'insolenza.

LAM.

Figlia, vi vuol pazienza;

Andarsene bisogna.

BRIG.

Ah, il rossore mi copre e la vergogna.

LAM.

E voi, signor dottore,

Signor operatore,

Al governo accusato,

Vi han bandito, voi pur, da tutto il stato.

RUB.

A me tal disonore?

Mi han bandito? Perché?

LAM.

Per impostore.

RUB.

Orsù, non vi smarrite;

Ambi meco venite;

Vivremo unitamente

Alle spalle de' gonzi allegramente.

LAM.

Figlia mia, cosa dite?

BRIG.

Signor, cosa pensate?

LAM.

Brigida, in verità,

Le cose anderan male.

Farò quel che farà

La mia collaterale. (parte)

 

 



About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti