00 0000

Carlo Goldoni

Il mercato di Malmantile a.3° s. 6°


ATTO TERZO

SCENA SESTA

Il Conte, poi Brigida

CON.

La Marchesa è tornata;

Meco si mostra irata.

Ha ragion; non dovea trattar così:

La cagion del suo sdegno eccola qui.

BRIG.

Signor Conte, per dirla,

È poca discrezione

Farmi fare sì lunga aspettazione.

CON.

Appunto ora veniva

Da voi per congedarmi.

BRIG.

Congedarvi? Capisco:

Vorrà dir che venite ad isposarmi.

CON.

Anzi, tutto al contrario,

Vengo a prender congedo.

Prima del partir mio,

Vengo a darvi, vuol dir, l'ultimo addio.

BRIG.

Come! Voi mi lasciate

Nel burrascoso mar della speranza?

Voi usate con me la tracotanza?

CON.

Deh, non l'abbiate a sdegno:

Al mio primiero impegno

Esser degg'io costante.

È legato il mio cor da un'altra amante.

 

BRIG.

Perfida belva ircana,

Stolida mente insana,

No, che trattar non sai.

Se lo provaste mai,

Ditelo voi per me.

 

CON.

Ma di che vi dolete?

BRIG.

Voi promesso mi avete.

CON.

Non è vero...

BRIG.

Barbaro, menzognero,

Vendicarmi saprò, ve l'avvertisco.

CON.

(Debole è di cervel, la compatisco). (da sé)

 

Non vi sdegnate,

Luci vezzose;

Non m'insultate,

Labbra amorose.

Voi siete quella

Che ispira amor,

Ma a un'altra bella

Donato ho il cor. (parte)

 

 



About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti