Data inserimento o ultima modifica:
11 dicembre 2018

Lastrigiani ed ospiti illustri

Marcello Bertini
Antologia della critica


Si sono interessati alla sua opera valenti operatori artistici e prestigiosi critici d'arte; fra questi:
Cristina Acidini, Andrea Baldinotti, Mario Bucci, Rinaldo Frank Burattin, Dino Carlesi, Giovanna Maria Carli, Maria Luisa Cason, Umberto Cecchi, Giovanni Faccenda, Ugo Fortini, Lodovico Gierut, Delio Granchi, Pier Francesco Listri, Giovanni Lombardi, Mario Mazzocchi, Fabrizio Moretti, Marco Moretti, Elvio Natali, Armando Nocentini, Nicola Nuti, Sergio Pacciani, Marco Palamidessi, Tommaso Paloscia, Antonio Paolucci, Dino Pasquali, Aldo Rettori, Paola Scuffi, Umberto Sereni, Faustina Tori, Maurizio Vanni, Marcello Vannucci

***
Di questo pittore incline all’incanto continuo ad apprezzare la meraviglia incontaminata che alimenta, sotterranea, quella che è l’esaltazione poetica di una natura ideale, un mondo sospeso fra realtà ambientale ed eden immaginifico…,
(Giovanni Faccenda) da ”L’incanto Struggente”,2004.

Colorista appassionato e romantico, intraprende un percorso, che porterà negli anni, la sua ricerca ...verso quei luoghi senza tempo, dove sono custodite le segrete armonie delle cose...
Giovanna M. Carli, da “LaScatola Magica e il Silenzio delle Cose“,2005

Le principali fonti di ispirazione: la natura, il contesto ambientale. In particolare il paesaggio, gli oggetti di un quotidiano dimesso,le nature silenti, gli interni di studio...
Paesaggi dai cieli caratteriali, fiammei, scenari di un reale costantemente svisato e ricomposto, reinventato, nutrito nell’animo segreto e poetico del pittore; vite silenti dalle splendide modulate paste cromatiche intrise di luce fra le cui gamme colorali, nell’ansia di trattenerne significati reconditi, annidano enigmi; interni dove sono raffigurati, con intensa liricità e sapore intimistico ,i luoghi della quotidianità dell’artista; dove si respira un’atmosfera carica di suggestioni pittoriche tra sospese luci e incombenti ombre che celano misteri … 
Ugo Fortini, da “La Pittura senza Tempo di Marcello Bertini”, 2008. 

Da tempo incamminata verso orizzonti di palpitante lirismo, la pittura di Marcello Bertini mostra oggi, in una suggestiva quanto coerente attualità, alcune intime implicazioni che allargano ed approfondiscono la sua stessa dimensione narrativa.

Basterebbero certi scorci dipinti nella luce mattinale di un autunno che rispecchia la malinconia dell’esistenza, per realizzare quale toccante sentimento abbia ispirato ed accompagnato Bertini, in tempi recenti, al cavalletto.

Poco importa se tale impegno si è consumato en plein air o nel suo studio: contano, al contrario, i risultati, che assapori sempre più serrati entro un recinto severo.

Dopo aver albergato tra Barga e Castelvecchio, nei luoghi che furono del suo Pascoli, ora Bertini raggiunge Fiesole, offrendosi all’incanto che già ebbe ad ammaliare molti illustri viaggiatori.

Sul finire dell’Ottocento, Böcklin - solo per citare un luminoso esempio - scelse come sua ultima dimora Villa Bellagio a San Domenico; de Chirico ne raffigurò successivamente, in alcuni fondali, la sagoma metafisica del colle; Xavier e Antonio Bueno vi trascorsero un volontario esilio fino all’ultimo dei loro giorni. Giovane liceale, io stesso, qui, incontrai Primo Conti, e tanti altri indimenticabili ospiti, fra i quali Mario Tobino, che viveva in via Bandini, all’ombra della Vecchia Fiesolana: la strada più bella del mondo.

So, dunque, cosa è, cosa può rappresentare Fiesole agli occhi di un uomo e di un pittore sensibile come Bertini.
Giovanni Faccenda 

LA PULSIONE CREATIVA” è il dolce e allo stesso tempo tormentato ‘bagno penale’ in cui ogni artista è costretto a vivere e dal quale non si libererà mai. Nascere in cuore all’arte è dono che si sconta!

Tale ansia è profondamente vissuta da Bertini, convinto e sofferto pittore del ‘bello’. L’interno di uno studio pittorico fa sempre pensare a un luogo di riflessione estetica quando non addirittura di macerazione e assillo e questo è il caso che s’attaglia allo studio del maestro Bertini.

Nulla traspare di più, in questa complessa e riuscita opera, del tormento estetico dell’artista.
Ugo Fortini

LE STRADE DELL’INVENZIONE CREATIVA”,  non sono solo patrimonio dell’informale e dell’astrazione: l’opera di Bertini testimonia quanto una visione oggettiva del mondo reale consenta spazi di libertà inventiva e di novità espressiva.

-Forse per questo Bertini non si è lasciato mai travolgere dall’astrazione allettante dell’arbitrio e dalla forzatura a tutti i costi!

L’artista è sempre se stesso, “dipinge sempre se stesso” (scriveva il Croce) e realizza armonia e misura in rapporto al proprio io: anzi, le cose esistono se l’artista le fa sue, se le coordina mentalmente, se va a scovarsele in un’interiorità che precede la stessa realtà in nome della memoria creativa.Gli “interni” di Bertini:
opere figurative ma che trascendono il reale per stemperarsi in liquidità coloristica di mirabile efficacia lirica, quasi l’urgenza poetica premesse per svincolare l’immagine dalla sua realistica identità.
Dino Carlesi,

I COLORI FANTASTICI”, siano essi più o meno vicini a una osservazione dal vero, sono ottenuti per mezzo di una faticosa, scrupolosa quanto ardimentosa e incessante ricerca cromatica che la critica ha definito di alchemica derivazione.

La bravura coloristica di Bertini è indubbia e prende spunto dall’osservazione del vero come pretesto, per poi sciacquare l’impronta realistica nelle sfere emozionali e psichiche, dove si sedimenta il vissuto delle cose.

I fondi in cui Bertini mette in scena la piéce che ha come protagonista uno o più vasi di fiori, accompagnati da libri, vasi vuoti o con pennelli, teiere, brocche, frutti, piatti, bottiglie, oggetti tratti da un quotidiano dimesso, sono trattati con una varietà cromatica sorprendente con lo scopo di far risaltare nella sua regalità l’epifania floreale come specchio del Sé.

I suoi sono paesaggi che ancora oggi possiamo scoprire nella nostra Toscana e la sua pittura, il suo vasto catalogo sul genere, ci offre una mappa per giungere agli incanti poco distanti da noi.

Rifuggendo dal didascalismo di maniera e avendo escluso per scelta poetica la rappresentazione della figura umana – egli vuole il paesaggio protagonista – Bertini è capace di infondere alle proprie creazioni una sorta di rispetto reverenziale.
Giovanna M. Carli

IO, FRA LE OPERE DI BERTINI”, preferisco i paesaggi: quelli che si aprono sulla tela come le pagine di un libro, e che mostrano con un orgoglioso pudore i colori di una terra fascinosa, quasi sfacciata nella sua voglia di donarsi. Impudica nella sua bellezza.

Preferisco il racconto che si sofferma agli angoli delle strade e cerca di aprire cancelli serrati su misteriosi giardini dove il colore gioca con le ombre e i rami delle piante scrivono sulla superficie di cieli d'un azzurro intenso, storie brevi piene di nostalgia. Ricche di tradizioni.

I racconti di gente antica, con nell'animo un qualche ultimo lampo di ironia etrusca.

I cancelli di Bertini sono strade sul lungo sentiero dell'esistere, nessuno può dire quando si apriranno per permettere ancora di riprendere il cammino, né quando si chiuderanno dietro di noi, per segnalare che il viaggio è finito 'fra quattro zolle di sole e il rubino del vino/ fra un cespo di viole e te amor mio vicino', come scriveva quello sciagurato meraviglioso poeta che fu Omar Khayyam, uno dei poco capaci di mettere in poesia la sintesi fra colori, sapori, luci e amori.

Certo: i cancelli di Bertini, quelli chiusi all'angolo della strada, quasi nascosti al passo della gente, con le sbarre accecate da lenzuoli di latta che impediscono di guardare oltre.

Perché quell'oltre è solo nella fantasia del pittore.

E' nel destino.

E ci si potrebbero scrivere storie senza fine su questi cancelli ciechi che formano caleidoscopi di colori con il verde degli alberi, il bruno dei rami, il rosso di un tetto nascosto, l'azzurro del cielo mimetizzato fra nuvole basse e cariche di promesse.
Umberto Cecchi

Bertini e gli scenari pascoliani

Quando un pittore di grande levatura e raffinata sensibilità come Marcello Bertini si accosta agli scenari che portano il segno di un sommo poeta come Giovanni Pascoli, si verifica un corto circuito lirico di notevole complessità.


Se infatti l’amenità paesistica dei luoghi, la storicizzata pienezza dei volumi architettonici, i ritmi pacati della vita a contatto con la natura sono – pur con i cambiamenti del tempo – generati da quelli da cui il Pascoli trasse così profonda e sorgiva ispirazione, per Marcello Bertini si tratta di far proprie e reinventare in termini pittorici atmosfere e vedute già recanti l’impronta della creazione poetica, luoghi i cui nomi da cent’anni e più risuonano, carichi di potere evocativo, nei versi pascoliani.


Quei versi resero familiari a generazioni di studenti – anche se forse questo accade sempre meno – la toponomastica della Valle del Serchio, con i suoi percorsi fluviali e la sua vegetazione impregnata d’umido, i suoi borghi petrosi ed arroccati, che le liriche del Pascoli traevano dalla feriale realtà di un vissuto individuale per proiettarli nella dimensione collettiva della poesia.


Bertini a questo incontro, l’incontro con l’ambiente modellato dallo sguardo del poeta, si presenta con la forza vitale della sua pittura e prima ancora del suo disegno. 


Le suggestioni visive dei quadri di Bertini ci faranno tornare a letture che magari avevamo accantonato, presi da interessi diversi, per scoprire che in quei versi del Pascoli in Toscana affondano le nostre radici culturali, così vive da alimentare tutt’oggi una fioritura come quella che Bertini ci regala.


CRISTINA ACIDINI -  Sovrintendente per il Polo Museale Fiorentino


Da oltre quarantanni l’opera di Bertini, ci conduce in quei luoghi senza tempo dove la Realta’  fermata e  sublimata,  attende alla Poesia…


“REALTA E POESIA”, binomio classico della pittura del Vero. Ma la Realtà cosa sarebbe in pittura, senza il soccorso della Poesia?

L’Epifania del Vero può essere fermata e sublimata solo da quel processo intellettuale - Metalogico - che chiamiamo Poesia.


Perché la Poesia ferma il tempo, sospende l’inesausto processo che conduce noi e le cose nel flusso della vita. Vedere con occhi limpidi, cuore caldo e mente serena, e dividere con noi il privilegio della visione secondo Poesia.


Questo è il destino dell’Arte, questo è il mestiere del pittore, quando il pittore è, come Marcello Bertini,” Poeta del Vero” .          


ANTONIO PAOLUCCI - Sovrintendente ai Musei Vaticani





About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti