00 0000

Si racconta che... Passato e presente delle tradizioni lastrigiane Liquori

Nocino de'vecchi tempi


Tagliare le noci in quattro con il mallo e metterle in mezzo litro di alcool puro, allungato con un bicchiere di marsala aromatizzato con sei chiodi di garofano,sei grani di coriandolo, e un pezzetto di scorza di cannella.

Versare il tutto in un vaso di vetro e aggiungere duecento grammi di zucchero; tappare e mettere al sole per venti giorni.

In seguito preparare uno sciroppo con 200 g di zucchero in un quarto di litro d' acqua, aggiungerlo al resto e lasciarlo riposare per altri dieci giorni.

Filtrare una volta con la garza, e due volte con la carta da filtro, poi imbottigliare.

Si può bere subito, ma raggiunge l'optimum dopo tre anni.

--------------------------------------------------------------------------------

La magia di questo liquore casalingo, oltre che nella semplicità, sta indubbiamente nella ritualità della preparazione, che richiama l'immagine di una formula miracolosa.

Si noti il numero 24 che compare più volte, le noci spaccate in quattro.

A San Giovanni poi, anticamente si accompagnavano riti che si riteneva influissero sui vegetali, innalzandoli alla sacralità del divino.

Tradizione mutuata dalle feste pagane della primavera, che avevano tra l'altro potere propiziatorio nella ricerca del fidanzato o della fidanzata.

Da qui l'usanza, durante la notte dedicata al santo, di mettere fiori in un bacile , perché diventassero più belli e miracolosi….

Al femminile, questo rito è sopravvissuto fino ai giorni nostri.



About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti