Dizionario geografico fisico storico della Toscana (Emanuele Repetti, anno 1833)

Porto di Mezzo (E.Repetti)


Dal Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana di Emanuele Repetti, 1776 - 1852

Scalo fluviale dotato di dogana ,usato nel medioevo soprattutto in funzione delle merci del contado destinate ad approvvigionare Firenze. 

Sull' Arno si hanno in quel periodo tre scali a breve distanza l'uno dall'altro: 

Porto di sotto alla Lisca, dove si imbarcavano le pietre delle cave di Gonfolina e dintorni, Porto di Mezzo appunto, e il Porto di Ponte a Signa , che per la presenza del Ponte sull'Arno, è strategicamente il più importante. 

Borgata attraversata dalla strada regia pisana nella parrocchia di S. Martino a Gangalandi, Comunità Giurisdizione e quasi due miglia a ponente della Lastra a Signa, Diocesi e Compartimento di Firenze. 

Risiede sulla riva sinistra del fiume Arno presso cui un dì le acque formavano bosArno, lasciando in mezzo un isolotto, genericamente appellato Mezzana, siccome fu avvisato all'Articolo MEZZANA Vol. III, pag. 200. 

Ebbe nome perciò cotesta borgata di primo di borgo ossia di villa Mezzana e più tardi di porto di sotto per differenziare il vicino scalo sull'Arno de navicelli che andavano e venivano da Pisa, da quello del porto di Signa, che si disse porto maggiore. 

A prova di un tal vero mi si offrono due documenti appartenuti alla badia di Settimo, il primo del dì 11 marzo 1336 riguardante un compromesso fatto in Gangalandi fra Lotto di Paganuccio di Firenze e la badia e monaci di Settimo nella persona di Tommaso di Corsino Corsini, pur esso fiorentino, eletto in arbitro in causa di un porto edificato da Lotto di Paganello testè nominato in un suo terreno nella villa di Mezzana. 

L'altro è un istrumento rogato in Firenze lì 25 settembre del 1443 dal notaro Niccolò del fu maestro Pietro di Michele Puccinelli da Pescia, mercè del quale Andreotto del fu Gherardo Agliata di Pisa, come procuratore d'Jacopo del fu Filippo Agliata abitante in Palermo, vendè alla badia di Settimo la quarta parte de’proventi di una casa posta nella Comunità di Gangalandi in luogo detto porto di sotto, ed i proventi di altra casa situata nel Porto maggiore, per il prezzo di cento fiorini d'oro. (ARCH. DIPL. FIOR. Carte di Castello ).




About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti