Data inserimento o ultima modifica:
02 febbraio 2018

Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Lastrigiani ed ospiti illustri

Vittorio Corcos, cenni biografici


Vittorio Corcos nacque a Livorno nel 1859. Manifestata una spiccata vocazione all’arte, entrò giovanissimo alla scuola del pittore Giuseppe Baldini, primo maestro di Fattori, e nel 1875 si trasferì a Firenze per frequentare l’Accademia di Belle Arti sotto la guida del livornese Enrico Pollastrini.

Tre anni dopo, dopo aver vinto una borsa di studio per giovani pittori, si trasferì a Napoli dove frequentò lo studio di Domenico Morelli.

Nel 1880 il suo dipinto L’arabo in preghiera venne acquistato dal re Umberto I in occasione della “Promotrice Salvator Rosa”.

Nello stesso anno emigrò a Parigi, dove dopo un precario periodo come pittore di ventagli, conobbe, grazie all’amico Giuseppe De Nittis, il mercante d’arte Goupil, con il quale avrebbe stipulato un contratto quindicennale.

Salvo una parentesi inglese, soggiornò nella capitale francese fino al 1885 esponendo in tre Salons, rientrando in Italia l’anno successivo per compiere il servizio militare.

Nello stesso anno si sposò con Emma Ciabatti vedova Rotigliano, venticiquenne ma già madre di tre figli, donna di raffinata cultura stimata da poeti come Pascoli, Carducci e da altre personalità come i fratelli Orvieto, proprietari della rivista fiorentina «Il Marzocco».

Grazie anche a quelle aperture, che avevano il loro fulcro nell’alta borghesia ebraica, si consolidò la meritata fama di Corcos ritrattista;

genere che - come già per Boldini a Parigi- richiamava una scelta clientela: dalle fanciulle dell’alta borghesia alle dame della nobiltà, dalle personalità emergenti come il giovane Pietro Mascagni ad altre di chiara fama come Emilio Treves e Giosuè Carducci e a teste coronate come l’imperatore Francesco II e Augusta Vittoria di Germania, Amelia del Portogallo e Margherita di Savoia.

Grande successo riscuoterà la conturbante figura femminile di Sogni, quadro esposto nel ‘96 alla mostra fiorentina dell’Arte e dei Fiori.

Pittore di successo ma anche scrittore e animatore culturale della Firenze del primo trentennio del Novecento, Corcos si spegnerà nella città elettiva l’8 novembre 1933.

By Marco Moretti


Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Autoritratto (1913 Galleria degli Uffizi)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Sogni (1896 Roma.Galleria arte moderna e contemporanea)| Vittorio Corcos
Ritratto della moglie (1889)| Vittorio Corcos
Ritratto della moglie (1889)| Vittorio Corcos
Ritratto della moglie (1889)| Vittorio Corcos
Adriana (1897) | Vittorio Corcos
Adriana (1897) | Vittorio Corcos
Adriana (1897) | Vittorio Corcos
Giuseppe Garibaldi (1882 Livorno. Museo civico G.Fattori) | Vittorio Corcos
Giuseppe Garibaldi (1882 Livorno. Museo civico G.Fattori) | Vittorio Corcos
Giuseppe Garibaldi (1882 Livorno. Museo civico G.Fattori) | Vittorio Corcos
La morfinomane (1899) | Vittorio Corcos
La morfinomane (1899) | Vittorio Corcos
La morfinomane (1899) | Vittorio Corcos


About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti