Dizionario geografico fisico storico della Toscana (Emanuele Repetti, anno 1833)

Brozzi


BROZZI nel Val d’Arno fiorentino. Varie Borgate lungo la strada Regia fra Firenze e il Poggio a Cajano portano il nome comune di Brozzi, le quali costituiscono la massima parte delle Comunità omonima, nella Giurisdizione e 4 miglia toscane all’incirca da Sesto, Diocesi e Compartimento di Firenze, da cui la pieve di Brozzi è 5 miglia toscane a ponente..

Trovansi i borghi di Brozzi alla destra ripa dell’Arno in una bassa pianura, la quale sarebbe tuttora un pantano senza i molti fossi e dogaje, che in tutte le direzioni l’attraversano per mantenerla asciutta.

I nomi di Padule, di Pescina, d’Isola, di Quaracchi e di Lecore, rimasti ad alcune campagne presso Brozzi, danno bastante argomento per credere, che la pianura di che si tratta, anche nei secoli più remoti, fosse soggetta ad essere coperta o isolata dalle acque.

Tutto ciò per altro non impedì agli uomini di fabbricare presso i vicini paduli le loro abitazioni, raccolte in borgate nei posti più difesi dagli argini e dalle dogaje.

Le memorie superstiti di Brozzi, di S. Donnino, di Quaracchi, o altri annessi, rimontano al secolo IX.

La più antica di esse è data in Quaracchi nell’anno 866.

La pieve di Brozzi è citata in una bolla di Gregorio VI del 1046, relativa alla chiesa di S. Donnino a Brozzi, e in un istrumento del 1051 (25 luglio), col quale uno dei Cattani di Cercina alienò varie corti, alcune delle quali erano poste nel piviere di Brozzi.
(ARCH. DIPL. FIOR. Badia di Passignano).

Nel 1325, di ottobre, Castruccio, signore di Lucca, guerreggiando i Fiorentini, venne sino al piano di Brozzi e di Peretola, dove pose suo campo, ardendo e rubando Campi e Brozzi, Quaracchi e tutte le villate d’intorno.
(GIO.VILLANI, Cronac. lib. IX, c. 316)

Sino da questa suddetta età la Repubblica fiorentina aveva preso delle misure opportune a riparare, mediante la Dogaja dell’Osmannoro, ai danni delle inondazioni della pianura di Brozzi, di S. Moro e di Peretola; alla quale Dogaja sotto il governo de’Medici fu aggiunto il Fosso Reale, in cui entra il fosso Bandito o Macinante.

D’allora in poi la contrada migliorò sempre più di condizione, e i borghi di Brozzi aumentarono vistosamente di popolazione.

Comunità di Brozzi.

Il territorio Comunitativo di Brozzi occupa (ERRATA : una superficie di 14062) una superficie di 4749 quadrati, dei quali 352 quadrati sono occupati da fossi, dogaje, strade Regie e comunitative con una popolazione di 7816 abitanti (ERRATA : a ragione di 460 persone) a ragione di 1420 persone per ogni miglio quadrato di suolo imponibile.

Confina con sei Comunità.

I limiti del suo territorio sono presso che in tutti i punti costeggiati da termini naturali.

A scirocco si congiunge con la Comunità del Pellegrino, mediante il torrente Mugnone a partire dalla imboccatura del fosso Bandito o Macinante, sino a che il Mugnone entra nell’Arno.

Lungh’esso ha di fronte la Comunità di Legnaja sino alla foce della Greve; al di sotto della Greve la Comunità della Casellina e Torri.

Alla nave di Brozzi lascia l’Arno per volgersi dopo 4 miglia toscane da ostro a libeccio per la strada di S. Moro, quindi lungo l’argine sinistro del fiume Bisenzio, che lascia allo sbocco del fosso Reale, avendo costà di fronte la Comunià di Signa, cui subentra alla strada Regia del Poggio a Cajano quella di Campi mediante il fosso di Dogaja , che la fronteggia dal lato settentrionale sino alla via della Forea.

Costà incontra la Comunità di Sesto mediante lo stesso fosso di Dogaja, attraversando di conserva il padule del Pantano a settentrione dell’Osmannoro .

Di là entra nello stradone di Castello, che percorre per breve spazio sino alla via de’Gondilogi, con la quale si volge a greco-levante per ritornare a confine con la Comunità del Pellegrino, da primo per la via dell’Olmatello, poi per la strada Regia di Prato e Pistoja, che incontra presso la chiesa di Peretola, di dove si dirige nel fosso Macinante e con esso ritorna nel Mugnone al punto sopra indicato.

Due strade Regie attraversano da levante a ponente il suo territorio; quella del Poggio a Cajano, che passa in mezzo alle borgate di Petriolo, di S. Donnino, di S. Andrea e di S. Martino a Brozzi. L’altra è la strada postale di Prato e Pistoja, la quale passa per il piano dell’ Osmannoro nella direzione da scirocco a ponente-maestro.

Fra le numerose vie comunitative rotabili, aperte in diversi punti del territorio di Brozzi sonovi quelle che guidano sulla sponda dell’Arno alle navi di Petriolo e di Brozzi, la via de’Mandri con le varie sue diramazioni, e la via Nuova che attesta con quella del fosso Dogaja , e serve di comunicazione fra Brozzi e Sesto.

Non è uopo dire quale sia l’indole del terreno che cuopre i fondi palustri di Brozzi, colmati a settentrione dai torrenti Rimaggio, e Zambra raccolti entrambi dal fosso Dogaja : a occidente dal torrente Marina e dal fosso Reale, a levante dal Mugnone , a ostro dall’Arno.

Quest’ultimo fiume davanti al Borgo di S. Donnino e a quello di Sala formò nei tempi scorsi due alvei, cui fu dato il nome di Bisarno, sino che, ostruttosi il ramo destro, si unirono al continente di Brozzi alcune isolette, alle quali è restato il vocabolo d’Isole d’Arno.

I territori di questa pianura sono fertilissimi in granaglie, canape, saggina e fieni, in gelsi e in legname di pioppo.

Non mancano tampoco gli alberi da frutto, meno l’ulivo.

– La vite produce assai vino, ma fiacco e snervato.

Fornisce qualche risorsa alla classe minuta del popolo la manifattura delle granate, la pesca dei granchi e quella de’gamberi, di cui abbondano i fossi di questa e delle contigue Comunità di Sesto e di Campi.

Ma l’industria che recò agli abitanti di Brozzi istantaneo e vistoso profitto provenne dalle copiose ricerche e dalla voga in cui salirono pochi anni fa i cappelli di paglia, i quali sogliono dai Brozzesi fabbricarsi di qualunque finezza e con diligenza grandissima.

In grazia di quest’utilissima manifattura, le borgate di Brozzi sono da vent’anni quasi raddoppiate di abitazioni.

In mancanza di pietra sogliono costruirsi costà i muri con i così detti cantoni, specie di smalto impastato con melletta, ghiaja e poca calcina, ridotto in forme regolari.

Un tal metodo economico di edificatoria concorre sempre più all’aumento e sollecita costruzione delle case nei borghi lungo le strade che fiancheggiano l’una e l’altra ripa dell’Arno sotto Firenze.

La pieve di S. Martino a Brozzi ha suffraganei 5 popoli;

1. S. Donnino a Brozzi, Prioria;
2. S. Andrea a Brozzi;
3. S. Biagio a Petriolo, Prioria;
4. S. Pietro a Quaracchi;
5. S. Lucia alla Sala.

Risiede in Brozzi una magistratura Comunitativa preseduta dal suo Gonfaloniere.

La Potesteria e la sua Cancelleria è in Sesto.

L’Ufizio di esazione del Registro, la Conservazione delle Ipoteche, la Ruota e gli altri Tribunali sono in Firenze.

POPOLAZIONE della Comunità di BROZZI a tre epoche diverse

- nome del luogo: BROZZI, titolo della chiesa: S. Martino (Pieve),
abitanti anno 1551: n° 1110,
abitanti anno 1745: n° 1310,
abitanti anno 1833: n° 2128

- nome del luogo: BROZZI, titolo della chiesa: S. Andrea (Prioria),
abitanti anno 1745: n° 181,
abitanti anno 1833: n° 340

- nome del luogo: Brozzi e S. Donnino, titolo della chiesa: S. Donnino (Prioria),
abitanti anno 1551: n° 997,
abitanti anno 1745: n° 875,
abitanti anno 1833: n° 1680

- nome del luogo: Peretola, titolo della chiesa: S. Maria (Pieve),
abitanti anno 1551: n° 592,
abitanti anno 1745: n° 771,
abitanti anno 1833: n° 1271

- nome del luogo: Petriolo, titolo della chiesa: S. Biagio (Prioria),
abitanti anno 1551: n° 682,
abitanti anno 1745: n° 996,
abitanti anno 1833: n° 1460

- nome del luogo: Quaracchi, titolo della chiesa: S. Pietro (Prioria),
abitanti anno 1551: n° 230,
abitanti anno 1745: n° 372,
abitanti anno 1833: n° 501

- nome del luogo: Sala, titolo della chiesa: S. Lucia (Prioria),
abitanti anno 1745: n° 338,
abitanti anno 1833: n° 436

- totale abitanti anno 1551: n° 3611
- totale abitanti anno 1745: n° 4843
- totale abitanti anno 1833: n° 7816





About

Autori e collaboratori
Privacy Policy
Precisazioni sulla normativa cookie
Disclaimer
Visite al sito
Indice generale immagini

Collegamenti ai siti esterni

I collegamenti (link) che dalle pagine di questo sito permettono di visitare pagine esterne sono forniti come semplice servizio agli utenti.
I titolari di lastraonline.it non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda la loro interruzione ed i contenuti collegati.

Contatti